LIBRO

PUMPING NYLON GUITAR TABLATURE 120 STUDI GIULIANI FLAMENCO BACH DOUBLE TENNANT TREMOLO TAB

PUMPING NYLON, IN TAB. THE CLASSICAL GUITARIST'S TECHNIQUE HANDBOOK.

LIBRO PER CHITARRA CON TABLATURE

Manuale completo che comprende: i 120 studi per arpeggio di Giuliani, esercizi per di controllo della velocità, le scale, il tremolo, la tecnica del flamenco, il suono, le unghie della mano destra, con esempi da J.S. Bach. TABLATURE

Scott Tennant, world-class classical guitarist and well-respected guitar eduactor, has brought together the most comprehensive technique handbook for the classical guitarist. It is presented here in both standard music notation and TAB. In addition to technical information not available elsewhere, he has compiled selections from Giuliani's 120 Right-Hand Studies; musical examples by Bach, Turina, Rodrigo and others; Tarrega arpeggio studies; and original compositions by Andrew York and Brian Head. Essential information and a great sense of humor are effectively combined in this best-selling book.

 

Author Preface

Welcome! This is my little book about guitar technique. I want to make it clear from the start that the material in this book is meant to reflect my own way of doing things on the instrument. The exercises are those that have helped me, some of which I still practice every day.

The goal of Pumping Nylon is to offer ideas that will help solve various technical problems. The idea was to steer clear of assembling anything that resembled a method book. Rather, my intent was to focus only on specific technical issues which I felt had not been clearly explained elsewhere. Generally, the issues dealt with in this book are those that have been brought up time and time again by students in master classes and lessons over the past ten years or so.
The exercises and musical examples have been chosen because of their unique technical challenges. For instance, the Bach DOUBLE was taken from a solo guitar arrangement, stripped of all its bass notes and more comfortable fingerings, and transformed into a very effective string-crossing and scale study.
I don't pretend to have addressed every issue. (There are too many out there for one book!) The reader, however, is strongly encouraged to invent hislher own exercises whenever necessary, since all of our technical needs are so very different.
I hope you find a few answers to some of your questions. Go get 'em!

I would like to thank ...
Nat Gunod, for coaching me through this process for the last two years; Brian Head and Andy York for composing their wonderful "made-to-order" etudes; Billy Arcila for posing for the photos that were used to create the illustrations; Durmel DeLeon for the photography; John Dearman and Matt Greif for their technical assistance; an endless list of friends for their constant encouragement; and the students at the ational Guitar Summer Workshop, San Francisco Conservatory and the University of Southern California for being (not always voluntary) "guinea pigs" for much of the [I1aterial contained herein.
And special thanks to Ron Krown at Alfred Publishing for encouraging us to do this new edition.

Glossary of Signs
This list will help you to interpret the various markings in the music.
1, 2, 3, 4 Left hand fingers, numbered from index (1) to pinky (4).
p, i; m, a, Right hand fIngers: p = thumb, i = index, m = middle, a= ring finger.
The six strings of the guitar, numbered from low E 6 to high E 0.
IV, V, VII etc Roman numerals. Here is a quick review of these symbols: 1=1, 11=2, III=3, IV =4,
V=5, V1=6, VII=7, VIII=8, IX=9, X=IO, XI=11 and XII=12.
BII4 The B indicates a barre. The Roman numeral indicates the fret to be barred, and
the small subscript arabic numeral indicates the number of strings to be barred.
So, this symbol would indicate to barre four strings at the second fret.

-1, -2, -3, -4 A dash in front of a fingering indicates a guide finger shif . A shift is a movement
from one position to another. is a finger that can be used just before
and just after a shift. For instance, if the 4th finger has been used to play G on the
J st string. 3rd fret, and then moves to play A on the 1st string, 5th fret, it will be
marked -4.

 

Editor Preface
I hope you will enjoy this new edition of Scott's gratifyingly popular book. As a response to public
demand, we are happy to provide a version of the book that includes tablature. Hopefully, this will make the book useful to more guitarists. After all, everyone who plays the guitar has something to gain from learning some c1assical guitar technique, and something to learn from a great teacher.
This book evolved from a warm-up routine and technical regimen that Scott Tennant began teaching and writing about several years ago. It is this daily warm-up that has inspired the whimsical title.
Pumping nylon. But in the following pages Scott has done far more than merely map out an exercise routine.
He has provided a wealth of technical information not readily available elsewhere. He has also compiled a variety of both well- and lesser-known technical exercises such as the 120 Right Hand Studie" of Mauro Giuliani and some arpeggio studies by Francesco Tarrega, and has offered some exercises of his own as well. It is also through Scott Tennant that four great new studies. two by Brian Head and two by Andrew York, have been written and published.

But I think he has done a lot more than even those things.
What students and teachers alike will find inPumping Nylon is a joyful attitude toward problem-solving on the classical guitar. There is an underlying message that says if you are willing and able to look at an issue from a different perspective, and if you can bring the same creative powers that you bring to your music-making to your technical work, you can overcome obstacles. Furthermore. there's no law that says it can't be fun.
Anyone who has studied classical guitar is going to hnd ,lOl/lethùl.9 in this book that directly contradicts what you have been taught-or what you teach-about ,1olllethùl.q. This is inevitable. But ifyou dismiss this work for that reason. you will be missing much. I encourage you to read ono Take a look at ali the ideas presented here by this great player and teacher. You will come away better for it.
I expect that for years to come it will be commonplace to hnd well-worn copies of this book in students' hands. I am sure that for Scott Tennant, as for myself, that will be the biggest reward for this efrort.
Many thanks to the wonderful people at Alfred Publishing-especially the M.I. team-for helping to
make this and many other National Guitar Workshop books a reality.
Nathaniel Gunod Litchheld, Connecticut
July, 1997
How to Read Tablature
4th string,5th fret
An open C chord
T
A
B
An H over a slur - indicates a hammer-on.
A P over a slur - indicates a pull-off.
1st stringo 10th Fret ] __Played together
2nd string, l0th fret

Nathaniel Gunod has edited many guitar books including
Benjamin Verdery's by Howard \Vallach, and Play AIM. co-authored Benjamin Verdery's
instructional directed the video, is the author of Cla. Guitar. A recital·ist on Baroque. Classical period and modern c1assical guitars, he has taught students from ali over the world at the Peabody Conservatory of Music and the National Guitar Workshop. where he is Associate Director.
He is the founder of the NGSW Classical Guitar Seminar and the D'Addario Guitar Concerto Competition. Preface

 

 


Inspiration
Inspiration only lasts a relatively brief time. We alI eventually fìnd ourselves experiencing a "dry spell."
We get stuck on something in our practicing and can't seem to improve, and sometimes it may seem that we're getting worse. At times we may even think of just quitting. Have you ever felt that the joy you once had for playing is gone forever?
These are not emotions you're experiencing alone. They visit everyone now and then. OccasionalIy we need to give ourselves a break and put down the guitar for a day, a few days, or however long it takes to feel refreshed again. For those who play for a living and don't always have that luxury, some digging back into one's past might be the key. Why did you want to play the guitar in the fìrst piace? Try to recall the feelings you experienced when you fìrst decided that you really wanted to play. Perhaps recall the joy you felt when you heard that fìrst recording or concert that thrilled you. What qualities about the instrument first drew you to it?
As I have done for several circumstances in my life, it may make you feel better to jot down a few of these positive thoughts on a piece of papero Then, when you hit another rough period, you can read through them.

In Conclusion
Music is the most powerful of ali the arts. It instantly stirs up emotions, conjures visions, and offers
glimpses of other, higher dimensions. It arouses men to battle; kindles amorous passions in lovers; soothes a baby to sleep; comforts us when we grieve. It engages our hearts and our minds, and can bring out the best that we are. One can safely presume that not a single emotion, nor any human or natural event, has been left undocumented by music.
As musicians, our objective is to command the elements of music as best we can in order to tap into that other dimensiono It is our access into heaven, if only for a while. But while we are there we can take aH who are listening ith uso If just one person is uplifted by our playing and walks away feeling better than before he carne, we have made a difference. A healing has taken piace.
I very much hope that you have found at least one thing in this book that has helped you. I also hope that, as you work to improve your technique, you do not lose sight of the larger goals: to be able to express yourself freely on your instrument and to turn every note you play into great music. When you can do those things, you cease to be just a guitar player and become a healer and magician.


Table of Contents

Author' s Preface
Glossary of Signs
Editor' s Preface
How to Read Tablature
Some Do's and Don'ts
About the Hands
About the Body
About Holding the Guitar- The Triangle

The Left Hand

Finger Placement and Accuracy
Pressure and Release
Pressure/Release Exercise
Finger Exchange
Ascending Slurs (Hammer-ons)
Descending Slurs (Pull-offs)
Finger lndependence
#3 - Opposing Motion
#4 - Horizontal Character Builders
#5 - Odair's Favorite Drill
#6 - "The Spider"

The Barre
Weight vs. Pressure
Being Selective
Summing It AlI Up
Quadrivial quadrary by Andrew York -

A Four-Voice Study for the Left Hand :
Fanfare by Brian Head-A Slur Study

The Right Hand
Tone Production
Nail Length and Shape :
Nail Length
Nail rypes
Shaping the Nails
Angle and Placement

Rest Stroke (Apoyando)
Position
The Movement
Planting
Press ure
Release

Free Stroke (Tirando)
Right-Hand Finger lndependence
Walking
Arpeggios from Tarrega's The Complete TechnicaL Studies

The Thumb
Shaping the Nail
Develop That Thumb!

Flamenco Techniques .
What Else Can the Thumb Do? .
Sofeare. Falseta ,
Alzapua .
Alzapua Falseta ,
Rasgueados .
Some Practical Applications .
from Turina's Sevillana .
from Turina's Rafaga .
from Rodrigo's Conciato de Aranjuez, 2nd Movement .

Daily Warm-Up Routine .
Left-Hand Walking-#l, #2 & #3 .
Ascending Slurs - #4 .
Descending Slurs - #5 .
Triplets - #6 .
Fixed-Finger Exercises-#7 & #8 .
Right-Hand Walking - #9 .
Two-Finger Rasgueados-#10 .

Tremolo .
Psychological Outlook
Exercises .
Lopsided Tremolos .
Chant by Brian Head: A Tremolo Study .

Scales: Control and Velocity .
Misconceptions about speed .
Right-Hand Velocity .
Synchronization .
String Crossing .
Piecing Things Together .
Some Other Speed Aids .
Rhythmic Variations .
Speed Bursts .
Problem Solving in Scales .
Marking String Crossings .
Evolution of a Scale .
Scale Study - Double from the Courante, Partita No.1, BWV 1002, Johann Sebastian Bach .

Arpeggios .
Full Planting and Sequential Planting .
Giuliani's 120 Right-Hand Studies .
Practicing Tips .
Didactic Doodle by Andrew York .

Afterword .
Performance Anxiety .
Practice
Inspiration
In Conclusion

Scott Tennant . 

Price: €24,99
€24,99

RODRIGO JOAQUIN CONCERTO CONCERTO DE ARANJUEZ ROMERO EDITION CHITARRA SPARTITI

RODRIGO JOAQUIN, CONCERTO DE ARANJUEZ. Ed. Romero, solo la parte della chitarra.

Price: €19,99
€19,99

RIMSKY-KORSAKOV SHEHERAZADE FOR GUITAR LARRY CORYELL TABLATURE CHITARRA LIBRO SPARTITI

RIMSKY-KORSAKOV : SHEHERAZADE FOR GUITAR, ARRANGED BY Larry Coryell. SHEET MUSIC BOOK WITH STANDARD NOTATION AND GUITAR TABLATURE. 

LIBRO DI MUSICA CLASSICA.

SPARTITI PER CHITARRA CON : PENTAGRAMMA E TABLATURE.

 

1ST MOV. - I THE SEA AND SINDBAD'S SHIP. 

2ND MOV. - II THE STORY OF THE CALENDER PRINCE. 

3RD MOV. - III THE YOUNGF PRINCE AND YOUNG PRINCESS

4TH MOV. - IV FESTIVAL AT BAGHDAD - THE SEA - THE SHIPWRECK

 

Price: €129,99
€129,99

ERIK SATIE FOR GUITAR PETER CHARLES KRAUS CHITARRA SPARTITI LIBRO GYMNOPEDIES GNOSSIENNES

SATIE FOR GUITAR. Trascrizioni per chitarra classica di 3 Gymnopedies e 3 Gnossiennes, del compositore francese. Alfred Erik Leslie-Satie nacque a Honfleur nel 1866. Studiò in vari conservatori, ma il suo spirito ribelle non si adeguò alle regole tradizionali; (invece della frase che tempo fa' andava di moda alla televisione e tra la gente: "Non capisco ma mi adeguo"; Satie si sarebbe probabilmente espresso: "Capisco e non mi adeguo"). Le "3 Gymnopedie" sono del 1888, e il nome deriva da una danza dell'antica Grecia; mentre il termine delle "3 Gnossiennes" del 1890, è riferibile a Knossos, l'antica città dell'isola di Creta, ov'era situato il mitico labirinto del minotauro. Questi pezzi per piano fanno parte del primo periodo compositivo; senza divisioni di battute, basati su accordi complessi, di settime, none, undicesime. Terminata questa fase, il musicista oramai trentenne, si interessa alla musica dei café-concert; suona il piano nei cabarets, e diventa amico degli artisti bohemiens di Montmartre. In perenne contrasto con l'accademismo e l'impressionismo musicale di Debussy, Eric Satie combatterà la musica "dotta" a colpi di "musica da tappezzeria" e la sua trama musicale affine a un collage cubista, attirò l'attenzione di Picasso, Diaghilev, Cocteau, Picabia, diventando così il loro animatore. Con il gruppo dei 6, diede vita a rivoluzionari spettacoli e balletti. Liberatosi delle provocazioni e abbandonate le polemiche, l'opera nella quale Satie esprime la propria poetica è "Socrate" del 1918. Il neoclassicismo di Stravinsky risentirà poi delle sue sonorità. Satie morì a Parigi nel 1925 povero ma celebre.

Guitar Solo
Series: Guitar Collection
Publisher: G. Schirmer, Inc.
Editor: E Kraus
Composer: Erik Satie
Contains 3 Gymnopedies and 3 Gnossiennes. 24 pages

Price: €13,99
€13,99

SEGOVIA ANDRES FINEST PIECES REPERTOIRE Frescobalda-Chaconne Bach-Burlesca Torroba LIBRO

SEGOVIA ANDRES, THE FINEST PIECES FROM HIS REPERTOIRE. La frescobalda -Bach, chaconne -Segovia, estudio -Chopin, mazurka, e molti altri pezzi.

ANDRÉS SEGOVIA The Finest Pieces from His Repertoire
Editor or Arranger: Andrés Segovia
Composer: Various Composers

Contents: Aria con Variazioni from La Frescobalda (Frescobaldi) - Chaconne (Bach) - Gavotte (Bach) - Passacaglia (Couperin) - Sonata from 8 Aylesforder Pieces (Händel) - Sonata (D. Scarlatti) - Sonatine (Benda) - Cantabile (Vanhall) - Minuetto (Vanhall) - Variations on Das Klinget so herrlich from The Magic Flute (Sor) - Bittendes Kind (Schumann) - Fürchtenmachen from Kinderszene, Op. 15 (Schumann) - Waltz, Op. 39, No. 8 (Brahms) - Mazurka, Op. 63, No. 3 (Chopin) - Tango, Op. 165, No. 2 (Albéniz) - Sonata meridional (Ponce) - Thème varié et Finale (Ponce) - Tres Canciones Populares Mexicanas (Ponce) - Hommaga à Tarrega (Turina) - Fandanguillo (Turina) - Serenata burlesca (Torroba) - Suite castellana (Torroba) - Mazurka (Tansman) - Estudios (Segovia) - Estudios sin luz (Segovia) - Tonadilla auf den Namen Andrés Segovia, Op. 170, No. 5 (Castelnuovo-Tedesco).
94 pages

Price: €29,99
€29,99

SCARLATTI DOMENICO-30 SONATAS FOR GUITAR TRASCRIZIONE CHITARRA LIBRO SPARTITI K491

SCARLATTI DOMENICO, 30 SONATAS FOR GUITAR.

Price: €31,99
€31,99

SOR FERNANDO CLASSICAL GUITAR TABLATURE LIBRO SPARTITI CHITARRA-BAGATELLE-FLAUTO MAGICO-TAB

SOR FERNANDO, CLASSICAL GUITAR OF FERNANDO SOR. Variations on a theme from Mozart's the magic flute -waltz in c major op.18 no.6 -minuet in d major op.11 no.5 -minuet in e major op.11 no.10 -divertimento in c major op.13 no.3 -les folies d'espangne op.15 -six airs from the magic flute -fantasia in e minor op.21 -minuet in c major from grand sonata -Petite piece in A major op.45 no.3 -study in d major op.29 no.21 -petite piece in a major op.45 no.5 -minuet i g major -bagatelle in d minor op.43 no.5 -study in e minor op.6 no.11 -lecon in d major op.31 no.10 -lecon in e major op.31 no.23 -petite poece in e major op.32 no.1 -study in b minor op.35 no.22 -Minuet in g major op.2 no.1 -petite piece in a major op.44 no.21 -minuet in a major op.11 no.6. 104 pagine. TAB.

Composer: Fernando Sor
Arranger: Joseph Harris
This book provides guitarists with an essential collection of 22 exquisite pieces by the great Sor, an extensive biography, and playing notes for each piece. Includes: Variations on a Theme from Mozart's "The Magic Flute" o Minuet in D Major, Op. 11, No. 5 o Minuet in E Major, Op. 11, No. 10 o Divertimento in C Major, Op. 13, No. 3 o Les Folies d'Espangne, Op. 15(a) o Bagatelle in D Minor, Op. 43, No. 5 o and more. Includes tablature.

BAGATELLE IN D MINOR OP 43 NO 5 (F SOR)
DIVERTIMENTO IN C MAJOR OP 13 NO 3 (F SOR)
FANTASIA IN E MINOR OP 21 ('LES ADIEUX') (F SOR)
LECON IN D MAJOR OP 31 NO 10 (F. SOR)
LECON IN E MAJOR OP 31 NO 23 (F. SOR)
LES FOLIES D'ESPAGNE OP 15(A) (F SOR)
MAGIC FLUTE, THE OP 19 (SIX AIRS FROM MOZART)
MAGIC FLUTE, THE OP 9 (MOZART) (VARIATIONS ON A THEME FROM)
MINUET IN A MAJOR OP 11 NO 6 (F SOR)
MINUET IN C MAJOR OP 22 (FROM GRAND SONATA) (F SOR)
MINUET IN D MAJOR OP 11 NO 5 (F SOR)
MINUET IN E MAJOR OP 11 NO 10 (F SOR)
MINUET IN G MAJOR (F SOR)
MINUET IN G MAJOR OP 2 NO 1 (F. SOR)
PETITE PIECE IN A MAJOR OP 45 NO 3 (F SOR)
PETITE PIECE IN A MAJOR OP 45 NO 5 (F SOR)
PETITE PIECE IN A MAJOR OP 44 NO 21 (F. SOR)
PETITE PIECE IN E MAJOR OP 32 NO 1 (F. SOR)
STUDY IN B MINOR OP 35 NO 22 (F. SOR)
STUDY IN D MAJOR OP 29 NO 21 (F SOR)
STUDY IN E MINOR OP 6 NO 11 (F SOR)
WALTZ IN C MAJOR OP 18 NO 6 (F SOR)

Price: €17,99
€17,99

6 NEAPOLITAN SONGS FOR SOLO CLASSIC GUITAR-KATHRYN SCHELDT-MEL BAY-REGINELLA-SPARTITI

SIX NEAPOLITAN SONGS FOR SOLO CLASSIC GUITAR, Scheldt.

Product Description:
Instructor, arranger, performer and songwriter Kathryn Scheldt gives you two versions of each song included: 1.) Solos for classic guitar intermediate to more advanced; including "Torna a Surriento" (Come Back to Sorrento). 2.) Chord accompaniments for guitar; melody for voice and/or treble instruments; original Neapolitan lyrics with English translations.
Format: Book

Song Title: Composer/Source:
'O Zampugnaro Innammurato A. Gill; Arranged by Kathryn Scheldt; Text and Music by A. Gill
Fenesta che Lucive! Arranged by Kathryn Scheldt; V. Bellini
Maria, Mari'!! E. di Capua; Arranged by Kathryn Scheldt; Text and Music by E. di Capua
Reginella G. Lama; Arranged by Kathryn Scheldt; Text by L. Bovio; Music by Gaetano Lama
Torna a Surriento E. de Curtis; Arranged by Kathryn Scheldt; Text by G.B. de Curtis; Music by E. de Curtis
Tu ca nun chiagne E. de Curtis; Arranged by Kathryn Scheldt; Text by L. Bovio; Music by E. de Curtis

Price: €16,99
€16,99

STORTI MAURO-TRATTATO DI CHITARRA-LIBRO-TECNICA-armonici-vibrato-staccato-glissato-tremolo

STORTI MAURO, TRATTATO DI CHITARRA. IN ITALIANO.

"La maturità critica del trattato consiste nella determinazione di un ordine naturate della esecuzione strumentale, senza forzature o imposizioni, che rende finalmente chiaro, limpido e omogeneo il patrimonio genetico del chitarrista contemporaneo". La tecnica della mano sinistra, destra, i vari punti di contatto delle unghie sulle corde (entrata, scivolamento, uscita), gli armonici, la legatura, in vibrato, glissando. Le strutture armoniche, contrappuntistiche, ecc. ecc..

Un serio ed integrato lavoro di ricerca sull’esecuzione chitarristica non può che portare ad un trattato come questo, cioè ad un vero e proprio sistema che fondi, anche a livello fisiologico, l'interpretazione musicale chitarristica e che in ogni cascenda e completi la semplice tecnica. (Marco Pisoni)


INDICE
Presentazione .
Prefazione .

PARTE PRIMA - Musica e tecnica
1. Realizzazione dell'opera musicale .
2. Dal suono alla musica. . .
3. La tecnica strumentale. . .

PARTE SECONDA - Lo strumento
4. Caratteristiche acustiche e morfologiche della chitarra. . .
S. Intonazione e tessitura delle corde .
6. Equisoni. . .
7. Tessitura normale .
8. Ampliamento della tessitura .
9. Della scrittura per chitarra. . .
l0. Accordatura della chitarra .
11. Caratteristiche dinamiche .
12. Condizioni di massima sonorità .
13. Lo spettro dinamico-direzionale .
14. Caratteristiche timbriche .
15. Effetti timbrici della tastatura .
16. Il diagramma timbrico .
17. Tenuta dei suoni .
18. Suoni indotti. .

PARTE TERZA - La mano
19. Struttura ossea della mano e dell'avambraccio .
20. Funzionalità delle articolazioni .
21. I muscoli ,
22. Muscoli del braccio e della mano '
23. Il tono muscolare .
24. La fatica muscolare ,
25. Variabilità geometrica della mano .
26. Effetti della divaricazione .
27. Le unghie .

PARTE QUARTA - Tecnica strumentale meccanica della mano sinistra
28. Le figure della mano sinistra .
29. Dinamica della mano sinistra nella formazione delle figure. . .
30. Realizzazione delle figure libere .
31. Realizzazione delle figure vincolate .
32. Realizzazione delle figure transitorie .
33. Osservazioni sulle figure transitorie melodiche .
34. Assetto della mano .
35. Azione della mano sinistra .
36. L'azione frontale .
37. Sulla decontrazione .
38. Sulla dissociazione .
39. L'azione trasversale .
40. Creazione delle figure di collocazione. . .
41. Osservazioni sulla tecnica del barré .
42. Creazione delle figure di allineamento .
43. Effetti dell'azione trasversale nel gioco melodico .
44. Creazione delle figure combinate. . .
45. L'asse di figura .
46. Figure combinate di prima specie ad asse orizzontale .
47. Figure combinate di prima specie ad asse obliquo. . .
48. Figure combinate di seconda specie .
49. L'azione longitudinale .
50. Le Posizioni. . .
51. Il cambio di Posizione. . .
52. Concatenazione delle figure. . .
53. Concatenazione delle figure di collocazione .
54. Concatenazione delle figure di allineamento .
55. Concatenazione delle figure combinate .
56. Osservazioni sulla funzione di perno .
57. Osservazioni sulla funzione di guida .
58. Economia gestuale e velocità nella concatenazione delle figure .
59. Effetti dell 'azione trasversale nel gioco polifonico .

PARTE QUINTA - Tecnica strumentale meccanica della mano destra
60. Il contatto tra dito e corda. . .
61. Il tocco .
62. Realizzazione dei tre tipi di tocco. . .
63. Le figure della mano destra. . .
64. Realizzazione delle figure di contatto. . .
65. Realizzazione delle figure di allineamento. . .
66. RealizzazioQe delle figure di dislocazione .
67. Concatenazione delle figure della mano destra .
68. Concatenazione delle figure di contatto su corde diverse .
69. Concatenazione delle figure di allineamento su corde diverse. . .
70. Concatenazione delle figure di dislocazione. . .
71. Sull 'azione del pollice .

PARTE SESTA - Tecnica strumentale espressiva
72. Le tecniche di alterazione dei parametri sonori. . .
73. Alterazioni dinamiche. . .
74. Il tocco in funzione dinamica .
75. Condizioni pratiche di massimo rendimento dinamico. . .
76. La gamma dinamica. . .
77. Alterazioni timbriche .
78. Il tocco in funzione timbrica .
79. Natura del corpo sollecitante. . .
80. Direzione dell'impulso .
81. Effetti timbrici delle sollecitazioni radiali. .
82. Effetti timbrici delle sollecitazioni non radiali. .
83. Velocità dell'impulso .
84. Risultante timbrica. . .
85. Realizzazione delle sollecitazioni inclinate e oblique .
86. Le legature .
87. Effetti dinamici e timbrici delle legature .
88. Funzione espressiva delle legature .
89. Suoni armonici .
90. Classificazione dei suoni armonici .
91. Effetti della scordatura sui suoni armonici. .
92. Tecniche di produzione dei suoni armonici naturali .
93. Tecniche di produzione dei suoni armonici artificiali .
94. Notazione dei suoni armonici naturali .
95. Notazione dei suoni armonici artificiali .
96. Impiego dei suoni armonici ottavati .
97. Alterazioni temporali .
98. Alterazioni metriche. . .
99. Lo staccato .
100. La cesura .
101. Alterazioni tonali. · .
102. Il vibrato. .
103. Il vibrato longitudinale. .
104. Il vibrato trasversale. .
105. Caratteristiche peculiari dei due tipi di vibrato.
106. Espressività del vibrato. l
107. La distorsione. .
108. Ilglissando

PARTE SETTIMA - Realizzazione delle strutture musicali
109. Premessa .
110. Valenza strumentale delle strutture musicali. .
111. Strutture strumentali melodiche .
112. l percorsi timbrici .
113. l registri timbrici .
114. Diteggiatura delle melodie pure .
115. Diteggiatura delle progressioni melodiche.
116. Melodie a forte connotazione agogica. .
117. Melodie a forte valenza espressiva.
118. Diteggiatura della mano sinistra in base alla velocità. .
119. Osservazioni sulle melodie miste.
120. Osservazioni sulle melodie armoniche .
121. Azione dinamica della mano destra nelle strutture melodiche. . .
122. Concatenazione delle figure miste di allineamento e dislocazione differita. '
123. Diteggiature della mano destra nelle strutture melodiche.
124. Gli accordi spezzati. '
125. Strutture strumentali armoniche .
126. Realizzazione delle strutture armoniche. . .
127. Strutture strumentali contrappuntistiche .
128. Azione della mano sinistra nella realizzazione delle strutture contrappuntistiche melodiche. . .
129. Azione della mano sinistra nella realizzazione delle strutture contrappuntistiche armoniche .
130. Azione della mano destra nella realizzazione delle strutture contrappuntistiche .
131. Strutture strumentali composte. . .
132. Realizzazione delle strutture composte .
133. Osservazioni sulla grafia delle strutture composte .
134. Il tremolo .

PARTE OTTAVA - La pratica strumentale
135. I tre stadi dell'azione strumentale .
136. I moduli. . .
137. Classificazione dei moduli .
138. La postura .
139. Le tecniche di apprendimento .

PARTE NONA - La didattica
140. Sull'acquisizione dell'abilità manuale .
141. Osservazioni sulla tecnica di base .
142. Esercizi e studi. .
143. Il metodo .
144. l testi. .
145. Osservazioni sul repertorio didattico .


PRESENTAZIONE
"Come ogni altro uomo, l'artista lavora partendo dalle sue conoscenze, con l'apporto
della sua capacità di pensiero e del momento intuitivo, ... il suo lavoro è sottoposto a leggi e
orientato al raggiungimento di uno scopo". Così Wassily Kandisky, già nel 1928, prefigurava
una integrazione che evitasse, per la cultura artistica, la storica e pericolosa oscillazione fra i
limiti di una istruzione specialistica e la vacuità tutta spirituale del genio romantico.
Un serio ed appunto integrato lavoro di ricerca sull'esecuzione chitarristica non può che
portare ad un trattato come questo di Mauro Storti, cioè ad un vero e proprio sistema che fondi,
anche a livello fisiologico, l'interpretazione musicale chitarristica e che in ogni caso trascenda
e completi la semplice tecnica.
Il Trattato si configura così come una sorta di teoretica dell 'interpretazione musicale, che
comprende ma non si limita alla consistenza fisica dell'esecuzione materiale. Viene descritta
una fisiologia più ampia e metaforica, che dalla mano si estende al pensiero produttivo, inteso
come funzionalità organica e vitale dell'opera musicale, altrimenti relegata per sempre alla
virtualità dello spartito.
Poiché l'opera musicale è compiuta e autonoma solo se rivitalizzata dall 'interpretazione,
l'attività dell'interprete risulta non solo ineliminabile, il che appare ovvio, ma dotata di uno
specifico artistico integrativo e complementare all'attività del compositore, che si traduce
operativamente in movimento tecnico, un movimento incardinato anche etimologicamente nella
e-mozione e nella com-mozione, una ritrovata tékhne greca in cui si armonizzano nuovamente
arte ispirata e solido artigianato, una tecnica quindi pregnante e non ridutti va, che inevitabilmente
assume forma e stile di un sistema coordinato alle intuizioni creative.
In fondo la comunicazione musicale è dinamica per elezione: dotata di infinite e cangianti
gradazioni e combinazioni, generata fisicamente da vibrazioni, meccanicamente risultante di
movimenti fisici che si svolgono nel tempo, è soprattutto e-motiva ed e-mozionale.
Non a caso definiamo in questo senso la comunicazione musicale. A ben vedere infatti,
il campo di indagine del lungo tirocinio professionale di Mauro Storti è eminentemente e in
senso lato semiologico: responsabilmente il Trattato, frutto di un impressionante sforzo
ricognitivo, esclude pretenziose ricerche sul significato dei fenomeni, per occuparsi delle
naturali e funzionali leggi di sviluppo, di permanenza e di interrelazione fra le parti del
linguaggio musicale chitarristico, alla ricerca di una coerente grammatica. Il fonema, il lessico,
la morfologia e la sintassi strumentale, indipendentemente dalle variabili storiche e stilistiche,
vengono intesi qui come convenzioni ineliminabili per la compiutezza ed il senso immediato
della comunicazione musicale, la quale, a differenza delle belle arti, necessariamente ha
bisogno di un tempo determinato, e quindi di un piano preordinato, per inverarsi senza surrogati...


PREFAZIONE
Ha sempre suscitato in me grande stupore il miracolo che l'uomo sa compiere sulla
materia sublimandola in opera d'arte. Che in un polveroso laboratorio, fra argani, attrezzi e
consunti grembiuli, un blocco informe di marmo possa tramutarsi in uno splendido Mosè o che
in una fuligginosa fucina, fra cumuli di terra e minacciosi rivoli di fuoco, il bronzo possa
assumere le armoniose fattezze di un Perseo è un mistero in bilico fra l'umano e il sovrumano.
Se si dimentica che la realizzazione di un qualsiasi ideale artistico passa necessariamente per il
dominio della materia, si rischia di scambiare la filosofia dell' arte per l'arte stessa e di giungere
a considerare inutile zavorra tutto quanto di materialmente umano possa frapporsi alla libera
ascesa dello spirito verso le rarefatte atmosfere del bello. Tale rischio è tanto più incombente
per l'arte musicale la cui materia prima è il suono che, privo di concretezza materiale, sembra
appartenere esclusivamente alla sfera dello spirito puro.
Per esistere, tuttavia, la musica deve essere creata per mezzo di uno strumento da uno
strumenti sta, due entità ben materiali. A differenza però di altre arti in cui l'ideatore dell'opera
assume solitamente in proprio anche il compito di realizzarla, in musica si dà raramente il caso
che il compositore abbia la struttura psico-fisica necessaria per padroneggiare uno strumento
musicale. In effetti, le grandi realizzazioni scultoree, pittoriche e letterarie non chiedono ai
Michelangelo, ai Toulouse-Lautrec o ai Leopardi la perfezione fisica, ma questa sarebbe
indispensabile a un Falla, a un Castelnuovo-Tedesco e a un Britten che volessero eseguire le
proprie composizioni.
Per quanto riguarda in particolare la chitarra, si deve riconoscere che la sua storia vanta
un considerevole numero di autori esecutori delle proprie opere, ma la parte più cospicua della
sua odierna letteratura musicale è opera di compositori non chitarristi, sicché la dicotomia fra
invenzione e realizzazione dell'opera musicale è un dato quanto mai attuale.
Non si può dire, tuttavia, che l'accentuata valorizzazione del ruolo di semplice esecutore,
indispensabile intermediario fra autore e fruitore dell' opera musicale, abbia suscitato il meritato
interesse, né da parte dei compositori, assorti nelle alte sfere della creatività, né da parte dei
virtuosi, affaccendati a far fruttare i talenti avuti in dono da Madre N atura. Per trovare una prima
concreta traccia di una metodologia didattica che possa dirsi scientifica, si deve risalire al
Metodo per chitarra pubblicato a Parigi nel 1830 da Fernando Sor.
Forte di una indiscussa fama di apprezzato compositore e di ammirato virtuoso, e fornito
di una cultura eclettica certamente non comune fra i musicisti, il cinquantaduenne Sor espone
le sue idee innovatrici con la concretezza di un pensatore illuminista e affronta i problemi della
tecnica strumentale meccanica non solo col lume della ragione ma a colpi di squadra e di
compasso, arnesi che egli aveva imparato a maneggiare a dovere, oltre che presso i Benedettini
di Montserrat, alla scuola militare. Anche allora, come sempre, non mancano coloro che,
incapaci di comprendere come gli strumenti del calcolo e della ragione possano applicarsi alla
divina arte della musica, storcono il naso ma egli, senza mezzi termini, li consiglia di recarsi alla
Biblioteca Reale le cui porte sono sempre aperte, per consultare l'ormai famosa Enciclopedia
delle arti e delle scienze.... 

Price: €29,00
€29,00

THE GUITAR MUSIC OF SPAIN VOL. 3-El noi de la mare-Aire de milonga-Capricho arabe Tarrega-Joaquin Rodrigo

THE GUITAR MUSIC OF SPAIN VOL. 3. Superba raccolta di musica Spagnola per chitarra. Sono presenti titoli di F. Moreno Torroba, Joaquin Rodrigo, Francisco Tarrega, e molti altri di non facile reperibilità. Contiene: Aire de milonga -Jorde cardoso (Eduardu Falu) -Bolero -Campanas de alba -Capricho arabe (F. Tarrega -Dos piezas para guitarra, Bolero El Majo -El noi de la mare (Llobet) -Madronos (Torroba) -Pajaros de prima vera (Joaquin Rodrigo) -Paseo -Petenera -Preludio en Mi Mayor -Romance (Torroba) -Scherzo (Llobet) -6 variationes sobre un tema de Milan -Tango y zapateado (Romero) -Vals Venezolano -Zapateado.

Price: €29,99
€29,99
Syndicate content